ASPETTO GENERALE: per il suo aspetto l' Alano unisce fierezza, forze ed eleganza in un insieme pieno di nobiltà. È grande , potente e di costituzione armoniosa. Per la sua sostanza alleata alla sua nobiltà, per l'armonia del suo aspetto, per la sua silhouette ben proporzionata e per la testa particolarmente espressiva, da a chi lo contempla l'impressione di vedere una statua piena di nobiltà.

PROPORZIONI IMPORTANTI: il corpo, specialmente quello dei maschi, si iscrive in un quadrato. La lunghezza del tronco ( misurata dalla punta della spalla alla punta della natica) non deve superare, nei maschi, di più del 5% l'altezza al garrese e nelle femmine di più del 10%

COMPORTAMENTO/ CARATTERE: di buona natura, affettuoso e attaccato i suoi padroni, soprattutto i bambini; riservato verso gli estranei. Si ricerca un cane da accompagnamento e da famiglia senza paura e sicuro di sé, docile, precettivo, senza aggressività e con soglia di reazione elevata.

TESTA
Regione craniale
Cranio: armoniosamente proporzionato nell'insieme, allungato, stretto, con linee nette, molto espressivo, delicatamente cesellato ( soprattutto al di sotto degli occhi); le arcate sopracciliari sono bene sviluppate, senza tuttavia essere sporgenti. La distanza dall'estremità del tartufo allo stop deve per quanto possibile corrispondere a quella dallo stop alla protuberanza occipitale, che è poco marcata. Le linee superiore del cranio e della canna nasale devono essere parallele. Di fronte, la testa deve sembrare stretta, canne nasali più larghe possibile e i muscoli delle guance appena accennati, mai marcatamente rilevati.
Stop: nettamente pronunciato

Regione facciale
Tartufo: ben sviluppato, più largo che rotondo, con narici bene aperte. Le narici devono essere nere, con eccezione dei cani arlecchino, nei quali il tartufo nero è ricercato ma è ammesso a un tartufo chiaro.
Muso: alto, rettangolare per quanto possibile. Commessure labiali ben visibili. Pigmentazione scura delle labbra. Nei cani arlecchino sono ammesse labbra incompletamente pigmentate o di colore chiaro.
Mascelle/denti: mascelle ben sviluppate, larghe. Dentatura robusta, sana e completa con chiusura a forbice ( 42 denti secondo la formula dentaria).
Occhi: di grandezza media, rotondi, il più scuro possibile, con espressione vivace e intelligente. Nei cane blu sono ammessi gli occhi un pò più chiari. Nei cani arlecchino sono ammessi occhi chiari di colore differente. Le palpebre sposano bene la forma del globo oculare.
Orecchie: attaccate alte, cadenti di natura, di grandezza media, bordo anteriore accostato alla guancia.

COLLO: lungo, asciutto, molto muscoloso. Dal suo attacco ben sviluppato, si affina leggermente verso la testa; offrono un profilo molto fulvo nella regione della nuca. Portamento rialzato, leggermente inclinato in avanti.

CORPO
Garrese: la parte più rialzata del tronco potente. È formato dalla cresta superiore della scapola che supera le apofisi spinoso delle vertebre.
Dorso: corto e ben teso, pressoché rettilineo, molto leggermente obliquo all'indietro.
Regione lombare: leggermente incurvata, larga, molto muscolosa.
Groppa: larga, molto muscolosa dal sacro all'attaccatura della coda leggermente inclinata e si fonde senza soluzione di continuità con l'attacco della coda.
Petto: Scende fino a livello delle costole. Costole ben cinturate che si estendono lontano l'indietro. Gabbia toracica di buona larghezza con pettorina pronunciata.
Linea inferiore: ventre ben rilevato verso l'indietro, forma una graziosa curva che prolunga la linea inferiore del petto.

CODA: raggiunge il garretto. Attaccata alta e larga, si assottiglia progressivamente verso l'estremità; in riposo, pende in posizione naturalmente distesa; in azione o quando il cane è eccitato, si ricurva leggermente a sciabola, ma senza superare in modo sensibile l'altezza del dorso. La coda a spazzola non è ricercata.

ARTI ANTERIORI
Spalla: molto muscolosa. Scapola lunga e obliqua, che forma un angolo con il braccio da 100 a 110 gradi.
Braccio: robusto muscoloso, deve applicato al torace; dovrebbe essere un poco più lungo della scapola.
Gomito: non girato né all'interno e all'esterno.
Avambraccio: robusto, muscoloso, perfettamente in appiombo di faccia e di profilo.
Carpo: robusto, fermo, è una struttura che non si distingue essenzialmente da quella dell'avambraccio.
Metacarpo: robusto, visto di faccia in appiombo, visto di profilo leggermente obliquo in avanti.
Piedi anteriori: rotondi, dita fortemente ricurve e ben serrate (piede di gatto); unghie corte, resistenti, il più scure possibile

ARTI POSTERIORI: tutta l'ossatura è coperta da muscoli possenti che fanno sembrare il dorso, le anche e le cosce larghe e arrotondate. Visti da dietro, i posteriori, robusti e dotati di buona angolazione, sono paralleli agli arti anteriori.
Coscia: lunga, larga, molto muscolosa.
Grassella: Solida, situata pressoché sulla verticale dell'anca.
Gamba: lunga, all'incirca come la coscia, molto muscolosa.
Garretto: solido, fermo, non diretto né all'interno né in fuori.
Piedi posteriori: rotondi, dita fortemente ricurve e ben serrate (piede di gatto); unghie corte, resistenti, il più scure possibile

ANDATURE: armoniose, coprono ben il terreno, leggermente elastiche; visti da davanti e dietro, gli arti si muovono parallelamente al piano mediano del corpo.

PELLE: bene applicata e tesa; bene pigmentata nei soggetti monocolore. Nei cani arlecchino, la ripartizione del pigmento corrisponde essenzialmente a quella delle macchie.

MANTO
Pelo: molto corto e fitto, liscio e ben disteso, lucente.
Colore: Il Dogue tedesco è allevato in tre varietà di colori indipendenti: fulvo e striato, nero e arlecchino, blu.
Cane fulvo: manto che va da giallo o chiaro a giallo o intenso; è ricercata la maschera nera; non desiderabili piccole macchie bianche sul petto e piedi.
Cane striato: Colore di fondo che va da giallo o chiaro a giallo o intenso, con striature nere il più regolari possibile e nettamente disegnate che seguono la direzione delle costole; ricercata la maschera nera;non desiderabili piccole macchie bianche sul petto e piedi.
Cane arlecchino (bianco a strisce nere, già chiamato dogo tigrato): Colore di fondo bianco per quanto possibile senza la minima macchiettatura, con macchie nero lacca dal contorno frastagliato, di dimensioni varie, ben ripartite su tutta la superficie del corpo. Non desiderabili macchie parzialmente grigie o brunastre.
Cane nero: Nero lacca, sono ammesse macchie. Fanno parte di questa varietà di colore i cani con il mantello, nei quali il nero copre il tronco come un mantello mentre il muso, il collo, il petto, il ventre, gli arti e l'estremità della coda possono essere bianchi.
Cane blu: Manto blu acciaio puro; ammesse macchie bianche sul petto e piedi.

TAGLIA
Altezza al garrese
Maschi : almeno 80 cm
Femmine : almeno 72 cm

DIFETTI
Ogni scarto da quanto sopra deve essere considerato un difetto da penalizzare in funzione della sua gravità.
Aspetto generale: caratteri sessuali troppo poco pronunciati. Mancanza di armonia. Soggetto troppo leggero o troppo grossolano.
Comportamento/carattere: mancanza di sicurezza, nervosismo, soglia di eccitazione bassa.
Testa: assi del cranio e della canna nasale non paralleli. Cranio a forma di mela. Testa cuneiforme. Stop troppo poco pronunciato. Muscolatura delle guance troppo sviluppata.
Muso: muso appuntito. Labbra troppo poco sviluppate, o pendenti più basse della mandibola ( labbra fluttuanti). Canna nasale concava, convessa (arcuata) o cadente verso il naso (naso aquilino).
Mandibola e denti: qualsiasi scarto rispetto ad una dentatura completa (si ammette unicamente l'assenza dei PM1 nella mandibola). Posizione irregolare di incisivi isolati, che non interferisca con la chiusura naturale della mascella. Denti troppo piccoli. Articolazione a tenaglia.
Occhi: palpebre lasse. Congiuntiva troppo rossa. Occhi chiari, torvi, di colore giallo ambra. Occhi blu slavati, occhio gazzuolo (in tutti i cani monocolori). Occhi troppo distanziati o tonti.
Orecchie: attaccate troppo ale to troppo basse, distanziate o tenute piatte contro la guancia. Orecchie tagliate: di forma e lunghezza male assortite con la testa, orecchie non fermamente erette o non simmetriche.
Collo: collo corto, spesso, collo di cervo; pelle troppo lassa, fanoni.
Dorso: insellato, di carpa, troppo lungo, linea del dorso rialzata all'indietro.
Groppa: insellata o orizzontale.
Coda: coda troppo forte, troppo lunga o troppo corta, attaccata troppo bassa e o portata troppo alta al di sopra della linea del dorso; a uncino, arrotolata o deviata lateralmente. Coda rovinata da incidenti, spessa alla sua estremità o tagliata.
Petto: costole piatte o incurvate, insufficiente altezza o larghezza. Sterno troppo prominente.
Linea inferiore: ventre troppo rilevato, mammelle insufficientemente retratte.
Avantreno: angolazioni insufficienti, ossatura troppo leggera, muscolatura debole. Appiombi scorretti.
Spalle: male attaccate, troppo cariche; scapole troppo dritte.
Gomito: gomito lasso, girato all'interno o all'esterno.
Avambraccio: incurvato, gonfiato presso il carpo.
Carpo: gonfiato, troppo lasso o spostato
Metacarpo: troppo flesso o in posizione troppo verticale
Retrotreno: angolazioni troppo chiuse o troppo aperte (ottuse). Garretti chiusi, vaccini o incurvati.
Garretto: gonfiore, lassità
Piedi: piatti, dita distanziate, lunghi.
Andature: passo accorciato, andatura rade, ambio frequente o continuo, mancanza di coordinazione fra gli arti anteriori e quelli posteriori
Pelo: doppio, smorto
Colore
Alano fulvo: manto giallo grigiastro, giallo azzurrognolo, Isabella o giallo sporco
Alano striato: colore del del fondo blu argento o Isabella, strisce slavate
Alano arlecchino: fondo con macchie grigio blu; macchie di grandi dimensioni di colore grigio giallo o grigio blu
Alano nero: nero con riflessi gialli, bruni o blu
Alano blu: colore blu giallastro o blu nero

DIFETTI GRAVI
Comportamento/carattere: timidezza
Mascelle/denti: prognatismo superiore o inferiore, deviazione laterale della mandibola
Occhi: entropion, ectropion
Coda: rotta.

DIFETTI ELIMINATORI
Comportamento/carattere: aggressivo, mordace per paura
Tartufo: completamente macchiettato, fesso
Colore
Soggetti fulvi e striati con liste bianche, collare bianchi, piedi bianchi o balzani ("bassi" bianchi) ed estremità della coda bianca.
Arlecchino: soggetti bianchi senza tracce di nero (albini), soggetti sordi, soggetti con manto detto " porcellana " nei quali predominano macchie bianche, grigie, fulve o anche striate; cani arlecchino grigio detti grigio merlo, a macchie nere su fondo grigio.
Taglia: al di sotto del minimo prescritto per lo standard (vedere sotto proporzioni importanti).

N.B. I maschi devono avere i testicoli di aspetto normale completamente discesi nello scroto.